Close

15 luglio 2016

Report/14 Luglio 2016/ Altavilla

. SCHEMA DEGLI INTERVENTI

tabella

 

Di seguito i risultati parziali dell’analisi SWOT effettuata attraverso le schede somministrate ai partecipanti durante l’incontro. Lo scopo dell’analisi è quello di definire il quadro delle opportunità di sviluppo dell’area territoriale di riferimento del GAL Partenio, che scaturiscono da una valorizzazione dei punti di forza e da un contenimento dei punti di debolezza alla luce del quadro di opportunità e rischi che derivano, di norma, da fattori interni ed esterni.

punti di forza

 

a. Forte vocazione agricola ed agroalimentare, in particolar modo per il settore vitivinicolo e castanicolo

b. Presenza di aziende agroalimentari di buon livello, soprattutto nel settore vitivinicolo e castanicolo

c. Presenza di risorse ambientali e naturalistiche di grande pregio (Parco Regionale del Partenio e 3 SIC)

d. Ricchezza di biodiversità animale e vegetale

e. Presenza di siti religiosi di grande rilevanza attrattiva e di testimonianze storico-culturali e architettoniche di pregio

f. Vocazione turistica del territorio ( naturalistico, religioso, culturale ed enogastronomico)

g. Presenza di produzioni agroalimentari di elevata qualità (marchi a denominazione di origine)

h. Buona dotazione di strutture ricettive

i. Patrimonio artistico e culturali e legato a lavorazioni di pregio

l. Buona accessibilità alle attrazioni turistiche

m. Altro
punti di bebolezzaa. Frammentazione della superficie agricola e scarsa diversificazione delle attività aziendali

b. Insufficiente propensione all’innovazione dovuta in parte al basso tasso di scolarizzazione

c. Diffuso dissesto idrogeologico

d. Scarsa manutenzione dei corsi d’acqua

e. Scarsa offerta di servizi connessi ad eventi culturali e/o folkloristici

f. Inadeguata organizzazione dell’offerta turistica territoriale

g. Basso livello di cooperativismo per la valorizzazione delle risorse locali

h. Incapacità di intercettare i flussi turistici stanziali

i. Disomogeneità intra-territoriale della qualità dei servizi dell’accoglienza della ricettività

l. Difficoltà nell’attivazione di sottoservizi a rete

m. Altro

opportunità

a. Incentivare l’integrazione di un turismo diversificato (cibo, ambiente, religioso, culturale)

b. Incentivare la cooperazione tra i produttori in modo da ridurre i costi e potenziare le politiche di valorizzazione

c. Promuovere la diffusione di marchi a protezione della qualità e della tipicità dei luoghi di produzione

d. Tutelare e ripristinare gli ecosistemi inerenti ai corsi d’acqua

e. Creare attività legate alla fruizione del sistema Partenio

f. Riqualificare il sistema turistico interno valorizzando le ricchezze enogastronomiche, storiche-culturali, folkloristiche e tradizionali

g. Migliorare la qualità della vita attraverso l’incentivazione delle attività legate al quarto settore

h. Potenziare il sistema dei trasporti interno collegandolo alle nuove infrastrutture

i. Creare un marchio collettivo per l’identificazione del prodotto al territorio

l. Creare nuove opportunità per i giovani (elevato indice di carico sociale) per evitare l’esodo

m. Altro
minacce

a. Debole tasso di ricambio generazionale e perdurare di forme di conduzione tradizionali

b. Politiche di valorizzazione agricole ed ambientali non adeguatamente integrate

c. Esodo di giovani formati dal territorio ed emigranti verso aree con mercato del lavoro più dinamico

d. Ritardi nell’esecuzione delle opere di collegamento

e. Sistema di formazione professionale inadeguato alle attese del mercato del lavoro

f. Perdurare di una politica di valorizzazione turistica frammentata

g. Incremento dei costi energetici e ambientali dovuti allo scarso utilizzo delle Fonti Energetiche Rinnovabili (FER)

h. Sostituzione dei prodotti tipici con altri surrogati di bassa qualità

i. Fenomeno di spopolamento ed invecchiamento demografico in alcune aree del sistema territoriale

l. Concorrenza di produzioni agroalimentari provenienti da aree a basso costo di manodopera

m. Altro

Fabbisognia. Promuovere e valorizzare i sistemi produttivi agroalimentari e artigianali locali;

b. Tutelare e valorizzare la biodiversità e i beni ambientali, culturali e artistici, per la promozione turistica sostenibile;

c. Facilitare un sistema di cooperativismo tra produttori del tessuto imprenditoriale locale

d. Costituzione di un network permanente tra gli stakeholders locali;

e. Potenziare la manutenzione dei boschi e dei corsi d’acqua;

f. Integrare i servizi turistici offerti e creare un Sistema Locale di Offerta Turistica (SLOT);

g. Migliorare la formazione del capitale umano imprenditoriale per favorire l’innovazione aziendale;

h. Sviluppare azioni di assistenza tecnica e di programmazione agli enti locali

i. Migliorare la qualità della vita e promuovere nuovi processi di welfare inclusivo per evitare lo spopolamento;

l. Ottimizzare l’utilizzo delle risorse per le attività didattiche, educative e sociali

m. Altro

 

Ambiti tematicia. Sviluppo e innovazione delle filiere e dei sistemi produttivi locali

b. Turismo sostenibile

c. Inclusione sociale di specifici gruppi svantaggiati e/o marginali

d. Sviluppo della filiera dell’energia rinnovabile (produzione e risparmio)

e. Cura e tutela del paesaggio, dell’uso del suolo e della biodiversità

f. Valorizzazione di beni culturali e patrimonio artistico legato al territorio

g. Accessibilità ai servizi pubblici essenziali

h. Valorizzazione e gestione delle risorse ambientali e naturali

i. Legalità e promozione sociale nelle aree ad alta esclusione sociale

l. Riqualificazione urbana con la creazione di servizi e spazi inclusivi per la comunità

m. Reti e comunità intelligenti

GALLERIA: