Close

6 novembre 2018

INCARICHI PER L’ATTUAZIONE DELLA STRATEGIA DI SVILUPPO LOCALE DEL PSL “TERRE DEL PARTENIO” E PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO,DELLA COMPETITIVITÀ A LIVELLO INTERNAZIONALEE A SOSTEGNO DELLA COESIONE TERRITORIALE, DELLA CRESCITA E DELL’OCCUPAZIONE

PREMESSO che:
a) con Decisione C(2015) 8315 del 20 novembre 2015, la Commissione Europea ha approvato il
Programma di Sviluppo Rurale della Campania (PSR) 2014-2020, predisposto conformemente ai
Reg. (UE) n. 1303/2013 e Reg. (UE) n. 1305/2013;
b) con Delibera di Giunta Regionale (DGR) n. 565 del 24/11/2015, la Giunta Regionale ha preso
atto dell’approvazione del programma di sviluppo rurale della Campania 2014/2020 da parte della
Commissione Europea;
c) il PSR della Campania 2014-2020, in applicazione del Capo II del Reg. (UE) n. 1303/13 ha
previsto la misura 19 – Sviluppo locale di tipo partecipativo;
d) il Comitato di Sorveglianza del PSR, istituito con DPGR n. 243 del 30.11.2015, nella seduta del
14 dicembre 2015 e successiva procedura scritta conclusasi il 14 marzo 2016 con nota
n.2016.0176666 è stato consultato, ed ha emesso parere, su tutti i criteri di selezione di cui all’art.
49 del Reg. (UE) 1305/13;
e) con DRD n.15 del 04.05.2016 è stato approvato il documento “Criteri di selezione delle
operazioni del PSR Campania 2014/2020” che riporta per ciascuna tipologia di intervento del
programma i criteri di selezione delle operazioni, ex art.49 Reg. (UE) 1305/13;
f) con DRD n.19 del 20 maggio 2016 e s.m.i., pubblicato sul B.U.R.C. n.32 del 23 maggio 2016,
sono state approvate le disposizioni attuative della misura 19 e adottati i bandi per l’ammissione al
sostegno preparatorio e per la selezione dei Gruppi di Azione Locale e delle Strategie di Sviluppo
Locale e il termine previsto per la presentazione delle istanze è stato fissato entro il 30 agosto 2016;
g) con DRD n.37 del 28.07.2016 e s.m.i. è stato nominato il Comitato di Selezione ai sensi del
punto 3, art.33 del Reg.1303/13;
h) con DRD n.38 del 28.07.2016 e s.m.i. sono state approvate, tra l’altro, le disposizioni generali del
PSR 2014-2020 delle misure non connesse alla superficie e/o agli animali;
i) con DRD n.45 del 12.09.2016 sono state approvate le procedure per l’ammissibilità del sostegno
preparatorio e per la selezione dei gruppi di azione locale (GAL) e delle Strategie di Sviluppo
Locale (SSL);
j) con Decisione C(2017) 1383 del 22 marzo 2017, la Commissione Europea ha approvato, fra
l’altro, la scheda della misura 19 con relativo incremento della dotazione finanziaria e un numero
massimo di 15 Gruppi di Azione locale e di Strategie di Sviluppo Locale;
k) con DRD n.74 del 29.03.2017 è stata approvata la graduatoria unica regionale definitiva e sono
stati selezionati n.11 GAL e SSL;
l) con DRD n.75 del 29.03.2017 pubblicato sul B.U.R.C. n.29 del 3 aprile 2017, sono stati adottati i
bandi per l’ammissione al sostegno preparatorio e per la selezione dei Gruppi di Azione Locale e
delle Strategie di Sviluppo Locale e il termine previsto per la presentazione delle istanze è
statofissato entro il 2 maggio 2017;
m) con decreto dirigenziale n. 17 del 19.6.2017 è stata approvata la graduatoria regionale e sono
stati selezionati n. 4 GAL e SSL;

VISTI:
a) Il Reg. (UE) 1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 recante
disposizioni comuni sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo, sul
Fondo di Coesione, sul Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale e sul Fondo Europeo per
gli Affari Marittimi e la Pesca e disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul
Fondo Sociale Europeo, sul Fondo di Coesione e sul Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la
Pesca, e che abroga il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio;
b) il Reg. (UE) n. 1305/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 sul
sostegno allo Sviluppo Rurale da parte del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale
(FEASR) e che abroga il Reg. (CE) n. 1698/2005 del Consiglio che, tuttavia, continua ad applicarsi
(art. 88, comma 2 del Reg. (UE) 1305/2013) agli interventi realizzati nell’ambito dei Programmi
approvati dalla Commissione ai sensi del medesimo Regolamento anteriormente al 1° gennaio
2014;
c) Il Reg. (UE) n. 1306/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 su
finanziamento, gestione e monitoraggio della politica agricola comune, che abroga i regolamenti del
Consiglio (CEE) n. 352/78, (CE) n. 165/94, (CE) n. 2799/98, (CE) n. 814/2000, (CE) n. 1290/2005
e (CE) n. 485/2008;
d) Il Regolamento (UE) n. 1299/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio dell’UE
(Regolamento CTE) stabilisce l’ambito di applicazione del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
(FESR) in merito all’Obiettivo Cooperazione territoriale europea;
e) Il Regolamento CTE disciplina, inoltre, le modalità di sostegno del FESR ai programmi
transfrontalieri e concernenti i bacini marittimi definiti nell’ambito dello strumento di vicinato ENI
di cui al Reg. (UE) 232/2014 e ai programmi transfrontalieri definiti nell’ambito dello strumento di
pre-adesione IPA II di cui al Reg. (UE) 231/2014;
f) il Regolamento Delegato (UE) n. 907/2014 della Commissione dell’11 marzo 2014 che integra il
regolamento (UE) n. 1306/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda gli
organismi pagatori e altri organismi, la gestione finanziaria, la liquidazione dei conti, le cauzioni e
l’uso dell’euro;
g) il Regolamento di Esecuzione (UE) n. 834/2014 della Commissione del 22 luglio 2014 che
stabilisce norme per l’applicazione del quadro comune di monitoraggio e valutazione della politica
agricola comune;
h) il Regolamento di Esecuzione (UE) n. 908/2014 della Commissione del 6 agosto 2014 recante
modalità di applicazione del regolamento (UE) n. 1306/2013 del Parlamento europeo e del
Consiglio per quanto riguarda gli organismi pagatori e altri organismi, la gestione finanziaria, la
liquidazione dei conti, le norme sui controlli, le cauzioni e la trasparenza;
i) il Regolamento Delegato (UE) n. 640/2014 della Commissione del 11 marzo 2014 che integra il
regolamento (UE) n. 1306/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda il
sistema integrato di gestione e di controllo e le condizioni per il rifiuto o la revoca di pagamenti
nonché le sanzioni amministrative applicabili ai pagamenti diretti, al sostegno allo sviluppo rurale e
alla condizionalità;
j) il Regolamento Delegato (UE) n. 807/2014 della Commissione del 11 marzo 2014 che integra
talune disposizioni del regolamento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio sul
sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR)
e che introduce disposizioni transitorie e abroga il regolamento (CE) n. 1974/2006 che, tuttavia,
continua ad applicarsi ad operazioni attuate a norma dei programmi approvati dalla Commissione ai
sensi del regolamento (CE) n. 1698/2005 entro il 1° gennaio 2014;
k) il Regolamento di Esecuzione (UE) n. 808/2014 della Commissione del 17 luglio 2014 recante
modalità di applicazione del regolamento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento europeo e del
Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo
Rurale (FEASR);
l) il Regolamento di Esecuzione (UE) n. 809/2014 della Commissione del 17 luglio 2014 recante
modalità di applicazione del regolamento (UE) n. 1306/2013 del Parlamento europeo e del
Consiglio per quanto riguarda il sistema integrato di gestione e di controllo, le misure di sviluppo
rurale e la condizionalità;
m) Regolamento di esecuzione (UE) n. 2333/2015 della Commissione del 14 dicembre 2015 che
modifica il regolamento di esecuzione (UE) n. 809/2014 della Commissione recante modalità di
applicazione del regolamento (UE) n. 1306/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto
riguarda il sistema integrato di gestione e di controllo, le misure di sviluppo rurale e la
condizionalità;
n) il D.M. n.3536 del 08/02/2016 – Disciplina del regime di condizionalità, ai sensi del regolamento
(UE) n.1306/2013 e delle riduzioni ed esclusioni per inadempienze dei beneficiari dei pagamenti
diretti e dei programmi di sviluppo rurale, pubblicato in G.U. n. 67 del 21 marzo 2016;
o) il Programma Operativo PSR Campania 2014-2020;
p) il Manuale delle procedure di cui al Decreto della Regione Campania n.88 del 14.04.2017 PSR
Campania 2014-2020. Misura 19. Sviluppo locale di tipo partecipativo – LEADER. Tipologia di
intervento 19.4.1 “Costi di Gestione e Animazione”. Procedure per la gestione della domanda di
sostegno;
q) D. Lgs. 50 del 18/04/16 Codice dei Contratti pubblici, come modificato dal D.L 244 del 31/12/16
e dal D.Lgs. 56 del 19/04/17 (Correttivo Appalti);
r) l’atto costitutivo, lo statuto ed i regolamenti interni del GAL PARTENIO CONSORZIO;
s) la delibera del Cda del Gal Partenio Consorzio n. 2 del 02.05.2018 in merito alla costituzione di
una short list di professionisti per incarichi vari;
t) la determina del direttore del Gal Partenio Consorzio del 16/05/2018 di approvazione dell’avviso
e indizione della selezione;
u) l’elenco degli ammessi alla short list approvata con delibera del C.d’A. n.3 del 10/07/2018;
IL GAL PARTENIO CONSORZIO

RENDE NOTO

che ha attivato una procedura di evidenza pubblica – cui affidare incarichi professionali nell’ambito
dell’attuazione del Piano di Azione Locale del GAL “Terre del Partenio”- per l’individuazione di
una figura nell’area di competenza “Giuridico-economica”, profilo “esperto junior” a seguito della
quale è stata selezionata la sig. Mariano Alessandra per l’affidamento dell’incarico di segreteria
amministrativa a supporto dell’animazione; di una figura nell’area di competenza “C. Marketing,
animazione, comunicazione e divulgazione, promozione”, profilo “esperto junior” a seguito della
quale è stato selezionato il sig. Pisano Flavio per l’attività di segreteria a supporto dell’animazione
per beneficiari pubblico-privati; di una figura nell’area di competenza “C. Marketing, animazione,
comunicazione e divulgazione, promozione”, profilo “consulente junior” a seguito della quale è
stata selezionata la sig. Ciampi Adele per l’attività di assistenza animazione per beneficiari

 

Il Coordinatore

(dott. Maurizio Reveruzzi)

 Il Presidente del C.d’A.

(dott. Luca Beatrice)

SCARICA IL DOVUMENTO (PDF)